FRANCESCA RIGONI

Psicologa ed esperta in consulenza sessuale

Psicologa a Treviso e online

Laureata in psicologia clinico-dinamica all’Università degli Studi di Padova, specializzata in consulenza sessuale presso Aispa, orientatrice nei contesti scolastici, operatrice di training autogeno di base, specializzanda in psicoterapia dinamica breve presso il Cisspat.

Sono appassionata del mio lavoro perché mi offre la straordinaria opportunità di incontrare ciascuna persona nel suo unico mondo, esplorando le sue esperienze e il suo percorso di vita. Nel corso degli anni, ho dedicato impegno e curiosità per approfondire sempre di più questa affascinante connessione umana.
Nel mio studio, offro un ambiente accogliente e sicuro, progettato per favorire un ascolto attivo e privo di giudizio. La riservatezza è al centro del mio impegno, garantendo un luogo dove esprimersi liberamente, con la certezza che ogni confidenza sarà trattata con la massima discrezione.
Empatia è la chiave del mio approccio professionale. Mi impegno a comprendere appieno la  prospettiva di ogni paziente, rispettando la sua unicità e lavorando insieme per esplorare soluzioni e favorire il benessere psicologico.

Indipendentemente dalla sfida che stai affrontando, sono pronta ad accompagnarti con professionalità, sensibilità e competenza.

“La psicoterapia non è una formula o un metodo,

ma un’esperienza unica e personale per ogni individuo.”  Irvin Yalom

Richiedi maggiori informazioni

15 + 12 =

Perchè andare dallo psicologo?

Può capitare che in un certo periodo della propria vita si senta il bisogno di parlare con un professionista o che qualcuno ci consigli di chiedere aiuto ad un esperto, ma non sappiamo se andare dallo psicologo possa davvero essere la scelta migliore.
Consultare uno psicologo può apportare benefici in molteplici contesti. In generale, lo psicologo supporta le persone nell’analizzare e gestire emozioni, nel riconoscere schemi di pensiero ripetitivi che spesso possono risultare disfunzionali e nello sviluppare strategie per affrontare le sfide quotidiane.
Tra le ragioni specifiche che spingono le persone a rivolgersi a uno psicologo, rientrano:

  • Affrontare disturbi psicologici come ansia, depressione, disturbi dell’umore o del comportamento.
  • Migliorare le relazioni interpersonali, acquisendo competenze di comunicazione efficace, ascolto attivo e risoluzione dei conflitti.
  • Sviluppare una maggiore consapevolezza di sé, riconoscendo bisogni, desideri e limiti personali.
  • Affrontare situazioni stressanti o traumi, come la perdita di una persona cara, un divorzio o esperienze traumatiche.
  • Potenziare l’autostima e la fiducia in sé, con un focus sulla consapevolezza delle proprie risorse e capacità.
  • Migliorare la gestione dello stress e dello stile di vita, apprendendo tecniche di rilassamento, meditazione e gestione del tempo.
  • Gestire problematiche legate alle dipendenze.


In sintesi, rivolgersi a uno psicologo può essere un prezioso alleato nel gestire problemi psicologici, migliorare relazioni, sviluppare consapevolezza di sé, affrontare situazioni stressanti, potenziare l’autostima e gestire in modo più efficace stress e tempo.

Qual è la differenza tra psicologo, psicoterapeuta e psichiatra?

I professionisti del settore psicologico sono principalmente tre: psicologo, psichiatra e psicoterapeuta.
Lo psichiatra è un medico specializzato in psichiatria; lo psicologo è un laureato in psicologia che ha sostenuto l’Esame di Stato e che è iscritto all’albo di riferimento; lo psicoterapeuta può essere o uno psicologo o un medico che, dopo la laurea, ha frequentato la scuola quadriennale di specializzazione in psicoterapia.
Lo psicologo e lo psicoterapeuta non possono somministrare farmaci. Il trattamento farmacologico è, infatti, compito esclusivo del medico specializzato in psichiatria.

Quanto dura un percorso di sostegno psicologico?

La durata di un percorso di sostegno psicologico può variare notevolmente a seconda delle esigenze individuali del paziente e della natura dei problemi affrontati. Alcuni fattori che influenzano la durata includono:

  • Complessità delle problematiche: se i problemi sono più complessi o profondi, potrebbe essere necessario un periodo più lungo di supporto.
  • Obiettivi del trattamento: la durata può variare in base agli obiettivi specifici del trattamento. Ad esempio, affrontare una crisi a breve termine potrebbe richiedere un periodo di tempo più breve rispetto a lavorare su questioni più radicate o croniche.
  • Frequenza delle sessioni: la frequenza delle sessioni (ad esempio settimanale, quindicinale o mensile) può influenzare la durata complessiva del percorso.
  • Collaborazione tra paziente e terapeuta: la collaborazione e l’impegno del paziente nel processo terapeutico possono influire sulla rapidità dei progressi.


In generale, il sostegno psicologico può essere a breve termine  per affrontare specifiche crisi o situazioni di vita, oppure può essere a lungo termine, specialmente quando si lavora su questioni più profonde o persistenti. 

Quando scegliere la terapia online e perché?

La terapia online può essere una scelta conveniente e accessibile per chi ha difficoltà a raggiungere fisicamente lo studio dello psicologo. È particolarmente utile per chi vive in aree remote o ha impegni che rendono difficile un incontro di persona. La terapia online offre flessibilità e può essere altrettanto efficace della terapia in tradizionale, ma dipende dalle circostanze individuali di ogni paziente e dalle specifiche esigenze terapeutiche.
In ogni caso, è importante valutare attentamente le proprie necessità e scegliere il tipo di terapia che si ritiene più adatto alle proprie esigenze.